Consultare urologo
  • 1
  • 0

Gli urologi sono gli specialisti di riferimento per trattare qualsiasi condizione che coinvolge il tratto urinario e il sistema riproduttivo maschile (la cura univoca di quest’ultimo apparato è però assegnata in modo particolare agli andrologi).

Alcuni altri operatori sanitari potrebbero essere coinvolti nelle cure di suddette patologie e condizioni: un urologo può lavorare con un oncologo per curare il cancro alla prostata o con un ginecologo per trattare il dolore pelvico nelle donne, ad esempio. Tuttavia, se hai una condizione clinica meramente di pertinenza urologica, sarà l’urologo stesso a coordinare la tua squadra.

A volte un paziente viene indirizzato a un urologo da un altro medico o da un altro operatore sanitario, anche se sempre più spesso, complice la cultura che si sta sviluppando in ambito prevenzione le persone vanno direttamente da un urologo per l’approfondimento delle proprie condizioni di salute.

Va anche detto che, tuttavia, il medico di base potrebbe essere in grado di trattare alcuni problemi urologici minori. Tuttavia, se i sintomi non scompaiono è meglio vedere un urologo di persona e quanto prima per arrivare alla radice del problema.

Se sai che i tuoi sintomi o le condizioni coinvolgono il tratto urinario o il sistema riproduttivo maschile, puoi scegliere di vedere un urologo come primo passo per giungere gradualmente a una diagnosi. Molti problemi relativi alla sfera maschili, giusto per darti un’infarinatura di base, puoi trovarli sul sito https://regogoo.com/ , puoi cominciare così a farti un’idea di massima sul modo in cui approcciare ai problemi di salute.

Cosa devo aspettarmi quando visito l’urologo?

L’urologia offre ai pazienti un’ampia gamma di opzioni di trattamento, consentendogli di trovare la soluzione migliore per loro. La chirurgia, spesso, potrebbe essere la scelta migliore per alcune persone nonostante queste siano restie ad affrontare i propri problemi fisici in modo netto e deciso. La terapia comportamentale (come la rieducazione della vescica) sono altre variabili complementari, ad esempio, ai trattamenti urologici che possono funzionare meglio per qualche caso selezionato piuttosto che per chiunque. Alcune persone possono migliorare di più utilizzando un mix di due o tre trattamenti.

Tu e il tuo urologo potete lavorare insieme come una squadra per soddisfare i vostri bisogni. Come ha spiegato più volte in occasioni pubbliche e incontri sulla ricerca l’urologo membro della AUA e membro della Commissione per l’Esame della Vescica Iperattiva della Fondazione Urology, la dottoressa Lisa Hawes, “la ricchezza della scelta in urologia ci consente di personalizzare veramente il trattamento per ciascun paziente”.

Su cosa lavora un urologo

Come tutti i medici, gli urologi devono completare una laurea e quattro anni di scuola medica di specializzazione (per alcune specializzazioni è più, per altre meno). Durante la specializzazione, qualora si opti per un ramo chirurgico, vi saranno uno o due anni di formazione chirurgica. Diversa è la formazione clinica in urologia che, al contrario, parte fin da subito.

Grossomodo, tutti gli urologi avranno una formazione sia chirurgica che clinica.

Le borse di studio (e questo è un passo ancora successivo) consentono ai medici di concentrarsi su un ramo specifico dell’urologia, come l’oncologia urologica (ciò che riguarda il cancro), l’urologia femminile, l’urologia pediatrica, l’infertilità maschile, la salute sessuale e in particolar modo la disfunzione erettile, o i calcoli renali.

Anche gli urologi con esperienza avanzata e certificata imparano e migliorano costantemente le loro capacità. Per mantenere le loro licenze e rimanere aggiornati nelle ultime conoscenze, gli urologi sono tenuti a seguire corsi di formazione ogni anno.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *