Lingua giallastra

    La lingua gialla è un sintomo molto appariscente, che può facilmente gettare nello sconforto e nell’inquietudine una persona. Quali possono essere le reali cause di questo fenomeno così particolare?

    In realtà, i fattori scatenanti, possono essere davvero molteplici. Quando si presenta un colore giallastro sulla superficie della lingua, in molti casi si tratta di batteri presenti sulle papille. Questa presenza, soprattutto se massiccia, causa una patina gialla alquanto fastidiosa. Motivo di questa sgradita presenza? Semplicemente un’igiene orale poco curata.

    In diversi casi però, questo sintomo è collegato ad altre problematiche, talvolta decisamente più serio. Proprio per questo motivo, per quanto possibile, è bene affrontare la seccatura con cognizione di causa, andando ad escludere mano a mano eventuali patologie al fegato e non solo.

    Lingua gialla: quale può essere la causa?

    Alcuni fattori legati a tale manifestazione possono essere il fumo o l’uso di particolari antibiotici. Individuare il motivo della lingua gialla però, può essere anche molto complicato in alcuni soggetti.

    Carenza di vitamina B o ferro infatti, possono palesarsi con questi segnali. In altri casi, si tratta di mughetto, disturbo (fungo) che colpisce in particolar modo i bambini piccoli e le persone debilitate, la leucoplachia o persino problemi a fegato e cistifellea. Dunque, per sicurezza, è bene contattare un medico in caso di dubbi. Tra i vari fattori scatenanti poi, possono figurare anche gastriti, stati avanzati di alcolismo o più semplicemente problemi a livello digestivo.

    Molti soggetti infatti, quando hanno problemi a digerire, hanno come conseguenza una lingua di colore tendente al bianco o al giallastro. Ovviamente, tale fenomeno, dovrebbe sparire nel giro di poche ore o al massimo giorni.

    Anche se nella maggior parte dei casi può trattarsi di un sintomo legato a qualcosa di molto banale, è meglio comunque non sottovalutare una lingua gialla.

    Le patologie potenzialmente più gravi

    Se la lingua gialla è affiancata da altri sintomi, la situazione potrebbe essere un po’ più seria e non va assolutamente sottovalutata. Un colorito giallognolo della pelle e stessa colorazione degli occhi, unite a un malessere generale possono segnalare anche la presenza di Ittero.

    Questa condizione è dovuta a un’eccessiva distruzione di globuli rossi. Ciò può essere dovuto a particolari forme di anemia o a un fegato che non riesce a lavorare in maniera corretta, o a una ridotta capacità del fegato di elaborare la bile, sostanza necessaria per la digestione dei grassi. Comunque, una sua disfunzione, per qualsiasi causa possa averla indotta, si manifesta anche con questa sintomatologia.

    In alcuni casi, si è notato come una lingua di colorazione gialla sia anche legata all’HIV. Dunque, una manifestazione da trattare con grande attenzione.

    I rimedi

    Se il sintomo è di lieve entità, una lingua gialla può essere trattata in maniera molto semplice. In caso di problemi legati all’igiene orale, per esempio, basta modificare le proprie abitudini quotidiane legate alla pulizia dei denti.

    Sotto questo punto di vista, possiamo ricordare come sia necessario lavarsi i denti dopo ogni pasto della giornata e, possibilmente, usare anche un colluttorio antibatterico. Per l’immediato poi, si può intervenire sulla lingua direttamente con un raschietto apposito che si trova in vendita nelle farmacie, o con un comune spazzolino.

    Per una questione così banale, l’antico rimedio dei nonni era una foglia di salvia, che con la sua superficie leggermente ruvida, era una soluzione ideale. Antisettica e dal profumo gradevole, non ha alcuna controindicazione. Inutile affermare che, così come per i denti, caffè e tè possono alla lunga andare ad aumentare l’ingiallimento.

    Assumendo i suddetti comportamenti, nel giro già di pochi giorni, si nota solitamente un netto miglioramento della situazione. In caso contrario, è forse necessario cominciare a porsi alcune domande rispetto al proprio stato di salute.

    Ovviamente, tutto cambia se la problematica è più profonda. In caso di carenza di vitamine infatti, un medico professionista può consigliare il consumo di integratori. A prescindere da ciò, per problemi più concreti, nel caso tale sintomo si presenti per più giorni, è fortemente consigliato contattare il medico.

    Il collutorio dovrebbe essere utilizzato due volte al giorno per sciacquare tutta la bocca, in questo modo è possibile ridurre in tempi brevi il giallore della lingua.