• 705
  • 0

Rispondere a questa domanda non è sicuramente facile,in un momento di forte difficoltà e di crisi nel mondo del lavoro ci sono comunque settori ancora in grande crescita in cui studiare e applicarsi può davvero portarci verso una soddisfacente carriera lavorativa.
E’ bene ricordare che oltre la laurea sicuramente imparare bene le lingue aprirà le porte a più settori e possibilità di lavorare anche all’estero.

Quali sono i migliori studi da fare nel 2019

Tra i primi posti sicuramente la laurea in ingegneria che ci dà la possibilità di lavorare in aziende importanti e a guadagnare un’ottimo salario. Anche Informatica è un settore in forte crescita, programmatori esperti sono sempre molto ricercati imparare un linguaggio di programmazione sicuramente tornerà utile.
La laurea in Medicina e Veterinaria permettono di trovare lavoro in breve tempo, i posti di ingresso alle università sono molto limitati e i test di ammissione sempre più selettivi.
A tal proposito esistono aziende come TaxiTest di Torino che si occupano di tenere corsi agli studenti e simulazione test di medicina tramite software on line.
La laurea in scienza infermieristiche è richiestissima, gli anziani sono sempre di più e in pochi hanno la forza di fare un lavoro di assistenza.

La scelta dell’università e del percorso di studi da affrontare sicuramente è sempre molto complicata,bisogna valutare bene quale potrebbero essere le maggiori richieste di lavoro nel futuro
senza però sottovalutare le proprie predisposizioni e le proprie passioni. Lo studio richiede sacrificio e il lavoro che andremo fare probabilmente sarà per tutta la vita quindi è molto importante fare prima di tutto quello che ci piace!
E’ bene sapere che esistono Lauree (chiamate da molti lauree inutili) che in Italia non danno alcun sbocco lavorativo e quindi bisogna essere consapevoli che intraprendere un percorso di studi di un certo tipo ci porterà molto probabilmente a lavorare all’estero, ad esempio la laurea in conservazione dei beni culturali e la laurea in scienze dell’educazione degli adulti che in Italia non danno alcuna possibilità.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *